L’edificio teatrale antico

L’edificio teatrale antico

Il teatro a struttura stabile nasce in Grecia verso il IV sec. a.C. come luogo dove, spesso in occasione di feste pubbliche, avvenivano le rappresentazioni di tragedie e commedie. Il teatro, inteso come ambiente o edificio adibito a qualsiasi tipo di rappresentazione, ha subito nel corso della sua storia una notevole evoluzione architettonica. In Grecia il luogo dello spettacolo da semplice spiazzo in terra battuta divenne un edificio che, nella sua forma più antica (VI-V secolo a.C.), comportava intorno all’area destinata alle danze dei cori soltanto le panche di legno per gli spettatori, gli ikria, il cui complesso formava il koilon: questo fu prima trapezoidale e, solo più tardi, quando il legno si sostituì alla pietra, curvilineo. Soltanto dal V secolo venne eretta la skené, edificio ligneo rettilineo fronteggiante il koilon dall’altro lato dell’orchestra, che serviva a creare uno sfondo all’azione degli attori.

L’edificio teatrale greco, all’aperto e senza copertura, si divide in tre parti: cavea, orchestra, scaena. La cavea è la parte contenente la gradinata con i posti a sedere per gli spettatori, che nei teatri greci si appoggiava a pendii naturali; inizialmente era costituita da una tribuna in legno, fatta eccezione per la fila dei sedili d’onore (proedria), che era in pietra. La divisione della cavea in settori ricalca la gerarchia sociale: la fila a diretto contatto con l’orchestra era riservata agli arconti, sacerdoti e strateghi; nei settori superiori trovavano posto i membri della bulé (assemblea), più in alto i cittadini ed infine coloro che non erano in possesso della cittadinanza, gli stranieri, le donne e gli schiavi. L’orchestra è l’elemento primitivo e la sua forma circolare è stata ricollegata al pavimento dove avveniva la trebbiatura, modello per le successive feste religiose. L’orchestra presentava ai lati due ingressi (parodoi) chiusi, a partire dal III secolo a.C., da porte per consentire l’accesso degli spettatori. Attraverso le parodoi il coro raggiungeva il suo posto e si allontanava alla fine dello spettacolo.

Il terzo elemento è costituito dalla scena, inizialmente una struttura provvisoria di forma allungata, all’interno della quale si accedeva mediante una porta centrale che immetteva nella zona dei servizi in cui gli attori si cambiavano d’abito e dove venivano conservati i costumi. Con il tempo la scena fu rialzata e spinta in avanti con un proscenio (palcoscenico rialzato), la cui fronte era di solito un porticato a colonne con tavole di legno dipinte. Quinte girevoli con decorazioni di paesaggi consentivano i cambiamenti di scena. Verso la fine del V secolo a.C. l’impianto scenico si fece più articolato e s’introdusse l’uso di macchine teatrali, scene rotanti, piattaforme mobili. Quando i romani, a metà del I secolo a.C., cominciarono a costruire i teatri stabili in muratura s’ispirarono al modello greco, già organicamente stabilito e strettamente legato all’evoluzione delle forme letterarie della tragedia e della commedia. I teatri romani conservarono però soltanto alcuni elementi di quelli greci, tra cui la cavea gradinata disposta a semicerchio davanti alla scena, e su questi elaborarono strutture originali. Innanzitutto si svilupparono come veri e propri edifici a carattere monumentale. In sostanza, il teatro romano si presentava come un edificio isolato e chiuso, il cui prospetto esterno era dato dalla possente struttura architettonica a tre ordini che sosteneva la cavea. Quest’ultima, assai più estesa di quella greca, era ripartita in diversi ordini, accessibili da gallerie e separati da parapetti. Anche lo spazio riservato all’azione scenica con il tempo andò differenziandosi da quello del teatro greco. Il coro, che aveva perduto importanza, non rimaneva più nell’orchestra, ma stava sul palcoscenico con gli attori. Perciò nel teatro romano l’edificio scenico era molto più profondo e più ampio che in quello greco: era sopraelevato di tre o quattro metri e comprendeva la fronte scenica (scaenae frons), le quinte laterali (parascaenia) e il palcoscenico (proscaenium). La fronte scenica s’innalzava e si arricchiva di elementi architettonici, statue, fontane e altra suppellettile mobile, in modo da costituire una scena fissa, che veniva cambiata in funzione delle esigenze dell’azione per mezzo di scene mobili di legno dipinto (scaena ductilis). Le dimensioni degli edifici in cui si tenevano gli spettacoli influirono sull’evoluzione delle forme teatrali, ma queste a loro volta contribuirono a modificare la struttura della scena. Quando il dialogo cedette il passo alla mimica, accompagnata soltanto dal canto del coro, i fondali si fecero più grandi ed elaborati e i palcoscenici si estesero sempre di più verso l’orchestra.

I perfezionamenti strutturali furono legati al successo e allo sviluppo delle rappresentazioni drammatiche, che provocarono il moltiplicarsi dei teatri in Grecia e in Asia Minore. Quando agli ikria lignei si sostituirono gradini di pietra (V-IV secolo a.C.), questi vennero fatti poggiare su un pendio e avevano forma a ferro di cavallo, delimitata ai due estremi da muri di sostegno, gli analemmata. A Roma le rappresentazioni avvenivano su palcoscenici provvisori, di legno, con un fondale da cui si aprivano porte e finestre, eretti nel circo o davanti ai templi di Apollo o della Magna Mater. Gli spettatori prendevano posto, per lo più, su sedili di legno (subsellia), che dopo la rappresentazione venivano subito smontati insieme al palcoscenico. Il senato era contrario alla costruzione di teatri in muratura, perché temeva che questi potessero offrire al popolo occasione di ozio. D’altra parte già nel corso del II secolo a.C. si sviluppò in Roma, sull’esempio ellenistico, ma con maggiore ricchezza, una tendenza a decorare fastosamente la frons scaenae con pitture e motivi architettonici e plastici, mentre in altre località italiche, tra cui Pompei, sorgono teatri stabili di stampo ellenistico, ma con innovazioni originali.

A Roma il primo teatro in muratura fu fatto costruire da Pompeo nel 55 a.C. Questo a differenza del greco, classico e ellenistico, si presenta come edificio a pianta semicircolare, costruito su terreno pianeggiante (non appoggiato ad un declivio, come quello greco), chiuso da mura perimetrali di uguale altezza che collegano la cavea (le gradinate per gli spettatori) con la scena monumentale di struttura architettonica, dinanzi alla quale si apre il palcoscenico (pulpitum) basso, ma profondo (nel teatro greco, invece, fino al IV secolo a.C. non esisteva palcoscenico e gli attori agivano, insieme con il coro, nell’orchestra circolare). Questa forma chiusa rendeva possibile anche la copertura dell’intero edificio con un velarium, un telo per riparare gli spettatori. Pertanto nel teatro romano si riscontra chiaramente il prototipo di quello moderno. Il teatro romano apportò molti arricchimenti decorativi, spettacolari e di carattere grandioso, con arcate e scalinate e vomitoria: un’architettura adatta a colpire la fantasia degli spettatori. Sconosciuto al mondo greco, l’anfiteatro, vasto edificio a gradinate, dalla pianta circolare, fu una creazione italica, dapprima campana (Pompei), in seguito romana. Fu destinato ad ospitare i combattimenti dei gladiatori. Da due emicicli giustapposti i Romani derivarono gli anfiteatri di forma ellittica: gli ippodromi, costruzioni destinate agli spettacoli e a grande capienza. L’odeon, edificio destinato alle esecuzioni musicali, si distingueva dal teatro per la maggiore altezza e per la presenza di un tetto a totale copertura. I più famosi: l’Odeon di Pericle, di Erode Attico, di Pompei. Molto diffusi furono i giochi del circo, numerosi a Roma. Il più antico fu il Circo Massimo, altri furono il Circo Flaminio, il Circo di Gaio (Caligola), il circo di Massenzio. I giochi del circo iniziavano con una processione, quindi iniziavano le corse dei carri, i combattimenti dei gladiatori e le cacce. Gli stadi erano piste in terra battuta, usati per le corse podistiche, poi adibiti alle gare atletiche.

Fonte: Parodos.it



Categorie:O03- Architettura teatrale - Theater Architecture

Tag:,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

LINGUE, STORIA E CIVILTA' / LANGUAGES, HISTORY AND CIVILIZATION

Studiare le lingue su base culturale / Studying Languages on a Cultural Basis

ANTONIO DE LISA- PITTURA, TECNICHE MISTE E DISEGNI / PAINTINGS, MIXED MEDIA AND DRAWINGS

Pittura - Scultura - Grafica - Mixed Media / Painting - Sculpture - Graphic - Mixed Media

ORIENTALIA

Studi orientali - Études Orientales - Oriental Studies

STORIOGRAFIA - HISTORIOGRAPHY - HISTORIOGRAPHIE

POLITICA/POLITICS - SOCIETA'/SOCIETY- ECONOMIA/ECONOMY - CULTURA/CULTURE

ANTONIO DE LISA COMPOSER & LOST ORPHEUS ENSEMBLE

Storia, Musiche, Concerti - History, Music, Concerts

Il Nautilus

Viaggio nella blogosfera della V As del Galilei di Potenza

Sonus- Materiali per la musica moderna e contemporanea

Aggiornamenti della Rivista "Sonus"- Updating Sonus Journal

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

ANTONIO DE LISA - SITO PILOTA / PILOT SITE / SITE PILOTE

Teatro Arte Musica Poesia - Theatre Art Music Poetry - Théâtre Arts Musique Poésie

In Poesia - Filosofia delle poetiche e dei linguaggi

Blog Journal and Archive diretto da Antonio De Lisa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: